Vai a…

Napoli Art Magazine on LinkedInRSS Feed

22 giugno 2018

Saints and patrons unite for final push in re-birth of Plautilla Nelli’s Last Supper Advocates ‘adopt’ Apostles to restore largest painting by Renaissance woman artist


Florentine Renaissance painter Plautilla Nelli authored the only early Last Supper by a woman artist and signed her massive masterwork with a call to action: ‘Pray for the ‘paintress’. Advancing Women Artists (AWA), a US-based non-profit restoring art by women in Florence for over a decade has taken Nelli’s petition literally: Pray for the paintress so that the hidden half of the Renaissance may be fully revealed. Pray for the paintress to celebrate Nelli’s creative legacy and encourage art lovers the world over to safeguard her art through restoration.

 

AWA’s ‘Adopt an Apostle’ program is Phase II of ‘TheFirstLast’, a four-year restoration, in collaboration with the Municipality of Florence, that was launched in 2015. Its crowd-funding campaign completed two years later garnered $65,000 in on-line contributions from 410 donors in 19 countries. The ‘adoption’ of the painting’s figures by individuals throughout the world ($10,000 per saint and $25,000 for the figure of Christ) will catapult the project toward completion, making Nelli’s Last Supper ready for exhibition in Florence’s Museum of Santa Maria Novella in October 2019. Thomas, Simon and Philip are still seeking ‘parents’, while the other Saints are well on their way to being ‘saved’.

 

Florence Mayor Dario Nardella has been at the forefront of Nelli’s restoration whilst spearheading a massive restoration project for the SMN Museum: “I hope that all the Apostles will soon be ‘adopted’, and that the restoration will soon be completed. I appeal to the generosity of the Florentines, so that together with citizens from other countries can give ‘The Last Supper’ new life. Plautilla Nelli was the most important female painter of the Florentine Renaissance and her city will pay her homage by exhibiting this work in the Santa Maria Novella Museum Complex.”

 

As the Last Supper’s three missing patrons join the restoration effort, confirmed adopters of Nelli’s Apostles share what they find most intriguing about the artist and her painting:

 

An entrepreneur against all odds. “Nelli’s all-women workshop made her convent self-sufficient. Renaissance women did not have legal standing and could not issue invoices. The fact she became a working artist and entrepreneur is a success story for creative women everywhere, in the fields of both art and business.”

Alice Vogler, Saint James the Elder, for Lynne Wisneski, art  patron

 

One giant canvas for womankind.  “It was illegal for women to study anatomy, but that did not stop Nelli from emulating Leonardo by tackling the life-size male, probably by studying the corpses of deceased nuns. Her workshop stitched together three twenty-one-foot canvases, and then constructed scaffolding. It’s amazing!”

Ted and Deborah Lilly, Saint Andrew

 

The signature, the sign.   “Renaissance masters didn’t usually sign their works, but Nelli did. I think she wanted posterity to know the painting was authored by a woman. Women artists simply did not tackle history painting, life-size figures and least of all Last Suppers which came to symbolize male mastery.”

AWA founder Jane Fortune. Saint Matthew for Bob Hesse, the organization’s co-founder.

 

Restoration produces ‘art detectives’.   “We hope to identify each of Nelli’s Apostles by comparing her work with that of her sixteenth-century counterparts. The chance to become an art detective is exciting. Thomas, Judas and John are known for certain, the rest await rediscovery as does the painter herself.”

Bill Fortune and Joe Blakley, Saint Peter

 

Do Nelli’s paintings have spiritual power?   “As artistic heir to Fra’ Bartolomeo, whose 500 drawings she inherited. Florentine nobles believed her works to be holy. Many nuns of Nelli’s time had ‘visions’; the only way women could speak unchallenged was through divine intervention. The strength of this painting is spiritually moving.”

Jane Adams, Saint Bartholomew, in memory of Josephine O’Brien, a chemist who would have been interested in how Nelli learned to mix pigments

 

A community of women.  “Since the 1966 flood, restoration has become a field dominated by women in Florence. Nelli’s restorer Rossella Lari works with two female museum curators, of the 30-plus that direct the city’s museums. It is important to see today’s successful women working to reclaim the forgotten past.”

Cay Fortune, in recognition of Jane Fortune’s work with Advancing Women Artists

 

A winning case.  “We wanted to make the connection between this pioneering artist and a very modern judicial leader by adopting the patron saint of Lost Causes, for Beverley McLachlin, the first female Chief Justice of Canada’s Supreme Court, Canada’s court of last resort. Nelli will ‘win her own case’ as her legacy is reclaimed.”

Margaret MacKinnon and Wayne McArdle, Saint Judas Thaddeus for Beverley McLachlin

 

Can we tell the work was painted by a woman?   “Women artists in history were often praised for their eye for detail, and Nelli led the way. Details are surfacing thanks to restoration.  You can now see the decorative borders on Jesus’ collar and cuffs or his eyelashes (not generally a feature for men in art during Renaissance times).”

Donna Malin, Jesus Christ, for John and Sophie Lalas, her grandparents

 

How Nelli’s Last Supper is bringing people together.   “Nelli’s masterwork encapsulates great Florentine traditions: art and food. No painter puts as much food on the table as she does… the tablecloth is ironed, the dinnerware fine. It represents unity, in more ways than one. Food and art are two forces that unify people no matter their background.”

Nancy Galliher, Saint James the Younger

 

For more information:

 

Linda Falcone, Advancing Women Artists, Director

 

Elisa Di Lupo, Ufficio Stampa Palazzo Vecchio

 

 

 

 

 

 

Santi e benefattori si uniscono per la spinta finale nella rinascita dell’ultima cena di Plautilla Nelli

“Adottare” gli Apostoli per restaurare il più grande dipinto rinascimentale di un’artista donna

 

La pittrice fiorentina rinascimentale Plautilla Nelli è la prima e unica artista creatrice di un’Ultima Cena e che ha firmato il suo grande capolavoro con una ‘call to action’: “Orate pro pictora, pregate per la pittrice”. Advancing Women Artists (AWA), una no-profit con sede negli Stati Uniti che da oltre un decennio restaura opere di artiste a Firenze, ha preso alla lettera la petizione di Nelli: prega per la pittrice in modo che la metà nascosta del Rinascimento possa essere interamente rivelata. Prega per la pittrice per celebrare l’eredità creativa di Nelli e incoraggiare gli amanti dell’arte in tutto il mondo a salvaguardare la sua arte attraverso il restauro.

 

Il programma ‘Adotta un Apostolo’ di AWA è la Fase II di “TheFirstLast”, un restauro di quattro anni in collaborazione con il Comune di Firenze, che è stato lanciato nel 2015. La campagna di crowdfunding completata due anni dopo ha raccolto online 65.000 dollari grazie ai contributi di 410 donatori da 19 paesi. L’adozione delle figure del dipinto da parte di persone da tutto il mondo (10.000 dollari per ogni santo e 25.000 dollari per la figura del Cristo) catapulterà il progetto verso il completamento, rendendo l’Ultima Cena di Nelli pronta per l’esposizione nel Museo di Santa Maria Novella a Firenze, dall’ottobre 2019. Tommaso, Simone e Filippo stanno ancora cercando “genitori”, mentre gli altri santi sono sulla buona strada per essere “salvati”.

 

Il sindaco di Firenze Dario Nardella è in prima linea nel restauro di Nelli mentre guida un monumentale progetto di ristrutturazione per il museo di SMN. “Mi auguro che tutti gli apostoli possano essere presto ‘adottati'” – dichiara il Sindaco – “e il restauro di questo dipinto possa concludersi velocemente. Mi appello alla generosità dei fiorentini, perché anche loro, oltre ai tanti stranieri, possano contribuire a ridare piena vita all’Ultima cena. Plautilla Nelli è stata la più importante pittrice rinascimentale fiorentina e la sua città le renderà omaggio esponendo quest’opera negli spazi del complesso di Santa Maria Novella.”

 

In attesa dei tre mecenati mancanti, gli adottanti confermati degli Apostoli di Nelli condividono ciò che trovano più intrigante dell’artista e del suo dipinto:

 

Un’imprenditrice contro ogni previsione. “Il laboratorio di sole donne di Nelli rese il suo convento autosufficiente. Le donne del Rinascimento non avevano una posizione legale e non potevano emettere fatture. Il fatto che sia diventata un’artista e un’imprenditrice è una storia di successo per le donne creative di tutto il mondo, nel campo dell’arte e degli affari.”

Alice Vogler, San Giacomo il Maggiore, per Lynne Wisneski, mecenate

 

Una gigantesca tela per le donne. “Per le donne era illegale studiare l’anatomia, ma ciò non impedì a Nelli di emulare Leonardo confrontandosi con il corpo maschile a grandezza naturale, probabilmente studiando i cadaveri delle suore defunte. Il suo laboratorio ha unito tre tele di ventun metri e poi ha costruito un’impalcatura. È stupefacente!”

Ted e Deborah Lilly, Sant’Andrea

 

La firma, il segno. “I maestri del Rinascimento di solito non firmavano le loro opere, ma Nelli lo faceva. Penso che volesse che i posteri sapessero che il dipinto era stato creato da una donna. Le donne semplicemente non hanno affrontato nella pittura storica le figure a grandezza naturale e meno dei Cenacoli che sono venuti a simboleggiare la padronanza maschile.”

Fondatrice di AWA, Jane Fortune. San Matteo per Bob Hesse, il co-fondatore dell’organizzazione.

 

 

I dipinti di Nelli hanno un potere spirituale? “Come discendente artistica di Fra’ Bartolomeo, del quale ha ereditato i 500 disegni, i nobili fiorentini credevano che le sue opere fossero sacre. Molte suore del tempo di Nelli avevano “visioni”; l’unico modo in cui le donne potevano parlare liberamente era attraverso l’intervento divino. La forza di questo dipinto ci muove spiritualmente.”

Jane Adams, San Bartolomeo, in memoria di Josephine O’Brien, un chimico che sarebbe stato interessato a come Nelli imparò a mescolare i pigmenti

 

Il restauro produce “detective dell’arte” “Speriamo di identificare ciascuno degli Apostoli di Nelli confrontando la sua opera con quelle delle sue controparti cinquecentesche. La possibilità di diventare un detective d’arte è emozionante. Tommaso, Giuda e Giovanni sono noti per certo, il resto attende la riscoperta insieme alla pittrice stessa.”

Bill Fortune e Joe Blakley, San Pietro

 

Una comunità di donne. “A partire dall’alluvione del 1966, il restauro a Firenze è diventato un campo dominato dalle donne. La restauratrice di Nelli, Rossella Lari, lavora con due donne curatrici di musei, delle oltre 30 che dirigono i musei della città. È importante vedere le donne di successo di oggi che lavorano per recuperare il passato dimenticato.”

Cay Fortune, in riconoscenza per il lavoro di Jane Fortune con Advancing Women Artists

 

Un caso vincente. “Volevamo stabilire un legame tra quest’artista pionieristica e un leader giudiziario molto moderno, adottando il santo patrono delle Cause Perse, per Beverley McLachlin, la prima donna Giudice Capo della Corte Suprema del Canada, tribunale di ultima istanza del Canada. Nelli ‘vincerà la sua causa’ mentre il suo retaggio viene recuperato.”

Margaret MacKinnon e Wayne McArdle, San Giuda Taddeo per Beverley McLachlin

 

Cosa caratterizza un’opera dipinta da una donna? “Le artiste nella storia sono state spesso elogiate per il loro occhio per i dettagli, e Nelli è colei che ha aperto la strada. I dettagli stanno affiorando grazie al restauro. Ora puoi vedere gli orli decorativi sul colletto e sui polsini di Gesù o le sue ciglia (non è generalmente una caratteristica per gli uomini nell’arte del Rinascimento).”

Donna Malin, Gesù Cristo, per i suoi nonni John e Sophie Lalas

 

Come l’Ultima Cena di Nelli sta avvicinando le persone. “Il capolavoro di Nelli racchiude le grandi tradizioni fiorentine: arte e cibo. Nessun pittore mette tanto cibo sulla tavola quanto lei… la tovaglia è stirata, il piatto raffinato. Rappresenta l’unità in più di un modo. Cibo e arte sono due forze che uniscono le persone indipendentemente dal loro background.”

Nancy Galliher, San Giacomo il Minore

 

Per informazioni:

Linda Falcone, Advancing Women Artists, direttore

linda@advancingwomenartists.org

Tel. +393474891086

 

Elisa Di Lupo, Ufficio Stampa Palazzo Vecchio

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie daMostre