Vai a…

Napoli Art Magazine on LinkedInRSS Feed

18 agosto 2017

POMIGLIANO JAZZ: Il Museo Emblema accoglie l’inedito trio Enrico Pieranunzi con Rosario Giuliani e Marco Zurzolo, in scena con “Emozioni terrestri: viaggio sonoro tra Ellington e Emblema” venerdì 4 agosto a Terzigno (NA)


Pomigliano Jazz in Campania

presenta

ENRICO PIERANUNZI 

con ROSARIO GIULIANI e MARCO ZURZOLO

Emozioni terrestri: viaggio sonoro tra Ellington e Emblema

venerdì 4 agosto 2017 dalle ore 21

Museo Emblema, Terzigno (Napoli)

ingresso gratuito

info: www.pomiglianojazz.com

Duke Ellington, molto dotato anche nelle arti visive, esitò a lungo in gioventù prima di optare per  le sette note. Il suo  senso del colore però non lo abbandonò mai e il Duca ne fece genialmente uno degli elementi più personali  della sua straordinaria arte musicale. Non c’è quindi musicista più adatto di lui a fornire la materia sonora per l’eccezionale evento che avrà luogo il 4 agosto al Museo Emblema di Terzigno. Quel giorno, Enrico Pieranunzi, Rosario Giuliani e Marco Zurzolo sintonizzeranno creativamente i loro suoni con l’arte visuale intensa e originalissima di Salvatore Emblema, uno degli artisti italiani più significativi di questo e dello scorso secolo. Il jazz di Ellington, le improvvisazioni di tre grandi musicisti e le forme visive di un artista che attinse alle sue potenti radici partenopee  per dare alla sua ricerca un respiro universale, saranno  gli ingredienti di un concerto unico, in cui linguaggi apparentemente lontani tra loro racconteranno in modo visibile e audibile, l’invisibile dell’uomo. Sul filo dell’emozione.

 

Compositore, arrangiatore e pianista raffinato, Enrico Pieranunzi è uno dei jazzisti italiani più famosi al mondo. Ha registrato oltre 70 album a suo nome spaziando dal piano solo al trio, dal duo al quintetto, portando la sua musica sui palcoscenici di tutto il mondo e collaborando con i grandi del jazz: Chet Baker, Art Farmer, Irio De Paula, Lee Konitz, Paul Motian e Charlie Haden, solo per citarne alcuni. Per la XXII edizione del festival Pomigliano Jazz in Campania ha scelto di esibirsi con una formazione atipica, con due sassofonisti. Per la prima volta insieme con questo trio, incontra in una location d’eccezione che diviene ulteriore fonte d’ispirazione, due musicisti diversissimi tra loro per stile, background e approccio live, che condivideranno con lui questo viaggio sonoro tra Ellington e Emblema.

Sassofonista virtuoso, che riesce a trarre dal suo strumento un fraseggio fluido, a tratti vorticoso, spesso accostato a quello dei mostri sacri del sax, Rosario Giuliani è un musicista estremamente originale e istintivo. Ha affiancato jazzisti di valore assoluto come Charlie Haden, Gonzalo Rubalcaba, Phil Woods, Cedar Walton, Martial Solal, Mark Turner, Kenny Wheeler, Enrico Rava. Ha collaborato alle colonne sonore di film con compositori di fama internazionale come Morricone, Bacalov, Trovajoli e Piovani.

Sassofonista e compositore, Marco Zurzolo è uno dei musicisti partenopei più apprezzati a livello internazionale. Ha attraversato stili e generi differenti collaborando, tra gli altri, con Pino Daniele, Solomon Burke, Chet Baker, Roberto Murolo, Gino Paoli, Art Endemble of Chicago e Archie Shepp. Molto attivo anche in ambito teatrale e cinematografico dove ha lavorato con Roberto de Simone, Luca De Filippo, Enzo Moscato, Enrico Montesano, Giancarlo Giannini, Peppe e Concetta Barra.

Pieranunzi, Giuliani e Zurzolo presentano dal vivo il progetto inedito “Emozioni Terrestri: viaggio sonoro tra Ellington e Emblema”. Il concerto si terrà nei suggestivi spazi del Museo Emblema, dove le installazioni artistiche si fondono con la rigogliosa natura vesuviana. Lo stesso concerto è concepito come una sorta di installazione, con i musicisti che suonano, intorno ai quali gli spettatori potranno trovare posto accomodandosi liberamente su sedie, muretti e cuscini.

 

Enrico Pieranunzi pianoforte e Fender Rhodes

Rosario Giuliani sassofono contralto

Marco Zurzolo sassofono alto contralto

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie daMusica