Vai a…

Napoli Art Magazine on LinkedInRSS Feed

21 febbraio 2018

Gianni Lamagna presenta Neapolitan Shakespeare venerdì 29 aprile alle ore 18 alla Feltrinelli di Salerno


Arriva a Salerno “Neapolitan Shakespeare”, il progetto con cui Gianni Lamagna, già voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare, ha tradotto in napoletano e musicato 17 sonetti del celebre autore inglese, a quattrocento anni dalla sua morte. La presentazione si svolgerà venerdì 29 aprile, alle ore 18, alla Feltrinelli Libri e Musica (corso Vittorio Emanuele, 230), con gli interventi di Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, e del professore Stefano Manferlotti, docente di letteratura inglese dell’Università Federico II di Napoli, che insieme a Gianni Lamagna illustreranno i contenuti del disco.

Il musicista, cantante, attore e ricercatore realizza un esperimento innovativo, commistione di generi, culture e atmosfere differenti, con la grande passione intellettuale partenopea in grado di far rivivere la magnificenza di Shakespeare in chiave nostrana, come solo Eduardo De Filippo aveva osato fare in tempi passati, traducendo, poco prima della morte, “LaTempesta”.

In Neapolitan Shakespeare confluiscono e si fondono diverse anime: il ‘700 napoletano, la tradizione popolare, il country, la musica irlandese, i Beatles, la tradizione bandistica e l’amore per i compositori brasiliani. Ne nasce un inno gioioso e trasversale alla poetica dei sonetti che da più di 450 anni sono sulla bocca di mezzo mondo. Il disco è prodotto dall’associazione Di Musica in Musica ed è pubblicato e distribuito da Europhone Records/Veloce ® Entertainment.

 

Neapolitan Shakespeare

Musiche di Gianni Lamagna, Giosi Cincotti, Piera Lombardi, Nico Arcieri, Paolo Raffone. Arrangiamenti, elaborazioni e direzione di Paolo Raffone.

Tredici dei diciassette sonetti sono liberamente tradotti e musicati da Gianni Lamagna. Gli altri quattro sonetti sono stati composti da Paolo Raffone (141) da Piera Lombardi (90) e da Nico Arcieri e Giosi Cincotti (91) che ha curato anche l’arrangiamento del 64. In due sonetti, il 90 e il 116, Lamagna è accompagnato dalle belle voci di Piera Lombardi e Alessio Arena, mentre nel sonetto 111 lo supportano le voci delle “Mamme di Sisina”.

 

Musicisti
Arcangelo Michele Caso Violoncello

Alessandro de Carolis Flauto

Gianluca Falasca Violino

Giosi Cincotti Pianoforte

Michele de Martino Mandolino

Paolo Propoli Chitarra

Vincenzo Lamagna Contrabbasso

 

Il gemellaggio

Gianni Lamagna (www.giannilamagna.com) è direttore artistico della rassegna “Aperture”, musica nei luoghi negati.

L’associazione “Di Musica in Musica” (www.dimusicainmusica.it) è impegnata nella diffusione del patrimonio culturale e musicale partenopeo e si adopera per la ricerca di talenti emergenti, coinvolgendo i giovani disagiati in progetti che spaziano in diversi campi.

L’etichetta indipendente Europhone Records (facebook.com/europhonerec) nasce nel 2015 grazie al giovane imprenditore napoletano Gennaro De Concilio che, dopo aver fondato il brand Veloce, impegnato nel settore sportivo, si dedica all’attività discografica.

Booking&Management: SoundFly (www.soundfly.it – info@soundfly.it)

 

Ufficio Stampa

Gabriella Diliberto 

Valentina Giungati 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie daMusica